FACE OFF Jazz Project

Progetto musicale nato dalla collaborazione dei due chitarristi tarantini, Paolo Bonvissuto e Pino Fortunato. Dopo più di trent’anni dal loro primo incontro, i due artisti riprendono la loro vecchia e lunga amicizia musicale e personale, riconciliando così la loro passione reciproca per la chitarra e per il jazz.

Da questo incontro nasce anche Jazzincontri, oltre a tutti i progetti che ne derivano, infatti i due musicisti contribuiscono a far crescere questo network di appassionati della musica jazz attraverso diverse iniziative artistiche, come il seminario ed il concerto con Franco Cerri e tante altre diverse iniziative di promozione musicale.

Paolo Bonvissuto ama molto le sonorità moderne di artisti come Pat Metheny e di Mike Stern, mentre Pino Fortunato conserva da sempre la sua passione per i suoni tradizionali di chitarristi come Jim Hall e Kenny Barrel, e le due diverse estrazioni stilistiche dei due musicisti portano alla nascita di Face Off, una mistura di rivalità estetica e di condivisione delle diverse aree musicali afro-americane.

PAOLO BONVISSUTO

Inizia lo studio dello strumento all’età di 16 anni grazie ad un suo amico che gli trasmette la passione per la musica e per la chitarra in particolare. Dopo varie esperienze di studio e di musica live con alcune band rock e blues, scopre nel 1990 la sua più grande passione, la musica Jazz. Inizia la sua attività professionale suonando nei club della Puglia e della Basilicata e nello stesso periodo frequenta i seminari estivi della Berklee College of Music di Umbria Jazz.

Nel 1991 studia con Joe Pass e nel 1992 con Bill Frisell e con Frank Gambale. Ottiene riconoscimento  musicale in campo jazzistico come ad esempio una borsa di studio breve per frequentare gratuitamente il Berklee College Of Music di Boston.

Insegna in diverse associazioni musicali, oltre ad esserne anche direttore artistico, ha suonato anche con Franco Cerri, Tino Tracanna, Fabrizio Bosso, Tom Kirkpatrick, Claudio Fasoli, Tony Scott, Aldo Vigorito, Greg Burk, Alan Michael Rosen, Robert Bonisolo, Antonio Onorato, Roberto Ottaviano, Andy Gravish, Fabio Zeppetella, Nucci Guerra, Ares Tavolazzi, Massimo Manzi, Maurizio Giammarco, Ellade Bandini e tanti altri.

Ha registrato diversi dischi, di cui alcuni a proprio nome o in leadership ed altri in collaborazione con altri artisti, con progetti di musica Jazz, Musica Moderna, World Music, Musica Leggera, ecc.

Partecipa a diversi festival, sostenendo iniziative culturali nel proprio territorio e lavorando in stretta collaborazione con lo “Jonio Jazz Festival” e portando avanti anche il progetto musicale “Jonio Jazz Lab“.

Ha fondato, con la partecipazione di alcuni musicisti tarantini, il network musicale Jazzincontri che attualmente viene messo a disposizione di professionisti ed appassionati di Jazz per fare gratuitamente auto promozione, sia in Italia che in diversi paesi d’Europa e del Mondo.

Oggi è attivo artisticamente, con diversi progetti musicali che lo vedono impegnato a tutto tondo nella composizione di brani inediti e di nuove produzioni discografiche.

PINO FORTUNATO

Pino Fortunato è un chitarrista jazz tarantino, comincia negli anni ’80 come studente autodidatta, collabora con grandi artisti come il chitarrista italiano Franco Cerri. Vive da sempre la passione per il Jazz e per artisti come Jim Hall e Wes Montgomery, ed è per questa passione condivisa con altri amici chitarristi che decide di fondare Jazzincontri, network libero di promozione artistica.

Frequenta vari seminari come Siena Jazz e Umbria Jazz. Focalizza la sua attenzione ed il suo studio dell’armonia soprattutto sui pianisti jazz: Bill Evans, Kenny Barron, McCoy Tyner, Chick Corea, e sul chitarrista Jim Hall e si perfeziona con Lanfranco Malaguti. Ha collaborato con numerosi musicisti, esibendosi in jazz club, festival e rassegne jazzistiche.